Teresa Carnuccio
15 gennaio 2017
“Il giovane favoloso outdoor” per il comune di Recanati
3 settembre 2015

LUDOVICA BASTIANINI | MY GENERATION

My Generation è un work in progress che rappresenta uno spaccato della società contemporanea. Raccoglie diverse fotografie di giovani italiani: si tratta di ragazzi tra i 25 e i 35 anni, nati negli anni 80, la generazione che più di altre sta pagando il conto della crisi economica. In Italia il tasso di disoccupazione giovanile è estremamente elevato: si parla del 35% al nord e del 50% al sud. Moltissimi quindi sono costretti a vivere in condizioni di vita e lavoro precarie. Indipendentemente dalle competenze acquisite (c’è chi possiede 3 lauree e diversi stages e chi invece ha frequentato solo la scuola dell’obbligo) questi giovani devono barcamenarsi tra lavoretti precari di pochi mesi, lavori a nero, lavori che promettono una retribuzione normale per poi tradire le aspettative con improvvisi cambi di regole. Nella mia ricerca fotografo ragazzi e ragazze che si trovano a lottare con questo tipo di condizioni, trovandosi a cambiare lavoro continuamente. Realizzo dei ritratti di strada, nei quartieri in cui vivono, dopo di che stampo le fotografie in formato 10x15 cm e le dipingo con gli abiti delle varie occupazioni precarie che questi giovani hanno trovato nel corso degli anni fino ad ora. Lo stile fumettistico e la decontestualizzazione del luogo rispetto all’impiego creano la forzatura necessaria ad esprimere la difficoltà di questo momento storico.
Ludovica Bastianini è una fotografa e illustratrice italiana, che vive e lavora a Zurigo. Nata a Napoli nel 1986, nel 2012 si è laureata in Storia dell’ Arte presso l’ Università Suor Orsola Benincasa di Napoli, con una tesi di ricerca sul fotografo Paco Gomez e il movimento Afal, protagonisti della fotografia spagnola nel secondo dopoguerra. Ha di recente concluso il Master in Photography and Visual Design presso la Nuova Accademia di Belle Arti di Milano. Dal 2009 ha partecipato a diversi concorsi ed esposizioni collettive, tra cui: “A red lipstick for Convivio”, di Vogue, Condè Nast e Mac Cosmetics, Milano; “Make your mark”, di Impossible Project, New York / Vienna; “Sottovuoto”, Fiera d’ Arte Cremona, Galleria Studio Giolli, Milano; “Beyourself ”, ISO 600, Festival della fotografia istantanea, Milano, (terzo premio del concorso “Quaderno d’artista”); “Incendium”, PAN (Palazzo delle arti di Napoli), Napoli; “Il segno dell’arte II, dall’Ottocento ad oggi”, Galleria WonderWall, Sorrento; “ArtexArte, dieci talenti vulcanici”, presentazione del libro, Museo Madre, Napoli; “Nymphs”, mostra personale, La Mediterranea Arte, Napoli; “Sin Piel”, mostra personale a cura della Galleria WonderWall presso l’Hotel Plaza, Sorrento; “Identità vs Omologazione”, mostra collettiva, Galleria WonderWall, Sorrento; “Out of Expo”, Galleria Meravigli, Fondazione Forma, Milano. Durante questi anni ha collaborato come fotografa e illustratrice con l’Agenzia pubblicitaria partenopea Pubbli&Rolando (Napoli, 2010-2011); con il Tanztheater Wuppertal (Pina Bau- sch, 2015) e il Teatro San Carlo di Napoli (Napoli, 2014); con la compagnia teatrale ArsLab Italy (Città della Pieve, 2012-2014); con la galleria d’arte Viasaterna (Milano, 2015); con la stilista austriaca Patricia Vincent (Vienna, 2015), tra altri. Attualmente collabora con l’Università ETH di Zurigo.